Dreamembering

Alle volte quello che passa sbiadisce, lasciando dietro di se un senso di sazietà che la demenza senile galoppante del conscio ci nasconde. Non sappiamo cosa sia, ma ci riempie. Scalda i nostri vuoti e ci fa sentire meno soli, seppur ignari di che cosa sia a farci compagnia. Ogni tanto provo a focalizzare brandelli di ricordi di un passato ancora prossimo, cercando di riviverli nella speranza che possano ricordarmi chi ero un attimo fa. Ma non li trovo più. Le sfocature rendono i particolari irriconoscibili e il ricordo delle sensazioni che ho provato non mi fa vibrare quatnto mi ricordo abbiano fatto le sensazioni stesse. È una maledizione, questo passato che passa. Le nostre memorie si usurano con l'uso. Rivivere i ricordi li appiattisce, li spolpa e ci lascia con un pugno di mosche. Lo sappiamo, ma è più forte di noi. Ci vengono in aiuto i sogni che montano storie nuove con i fotogrammi spenti del vissuto. Quante volte vi siete svegliati con la luna storta o col sole nel cuore? Colpa e merito sono dei sogni, che li ricordiate o no. Spero per voi di no. Resteranno sempre vividi da qualche parte, dentro di voi. Buonanotte.

Scrivi commento

Commenti: 0