Waiting to exhale

L'attesa è un'altra delle cose che contribuiscono a renderci identici.  Non esiste essere vivente che non subisca l'ansia dell'attesa.  Se ciò che aspettiamo  è qualcosa di bello, di piacevole, di emozionante,  l'attesa costituisce parte integrante dell'evento. Ne è prologo di  infinita delizia. I giorni che precedono una partenza, i preparativi  per una festa, l'attesa della persona amata. Poi arriva quanto di peggio ciascuno di noi sia chiamato ad affrontare. Il ritorno a casa, la musica è finita, un bacio d'addio. Ci sembra di morire. Il cuore si spegne. Il morale collassa. Non riusciamo a pensare che succederà di nuovo. Che la tristezza cederà  presto il passo ad una nuova esaltante sensazione di apnea del cuore. Ci riprenderemo dai postumi e torneremo in sella. Sempre pronti a cogliere ognuna delle cose che la vita ci riserva. Sempre pronti a rischiare tutto ciò che siamo in questo folle gioco in cui non si  vince niente, se non la gioia di aver partecipato dando noi stessi  agli altri, in questo vortice entropico di sentimenti. Che è tutto quello che ci lasceremo dietro alla fine della partita. Sentimenti, sensazioni. Contribuiamo all'aumento costante dell'entropia del cosmo.  Questa è l'anima immortale, lo Spirito Santo. Amabili resti.

Scrivi commento

Commenti: 0